martedì 3 gennaio 2017

La misurazione della qualità di gioco (QoP) negli scacchi



Grazie alla crescente forza dei motori scacchistici, ultimamente sono stati approfonditamente studiati gli scostamenti delle mosse dei grandi giocatori rispetto a quelle suggerite dai motori. Oltre a fornire alcune interpretazioni interessanti sul gioco, per esempio, dei diversi campioni del mondo, questi studi hanno dato il via al calcolo di indici statistici che riflettano la qualità del gioco.
Se da un lato il punteggio ELO consente ai giocatori di misurare la forza di gioco “ufficiale” di un giocatore, dall’altro questi indici promettono una misurazione della performance scacchistica partita per partita. Con implicazioni interessanti per l’allenamento individuale. 


Gli articoli scientifici di partenza da cui si sono sviluppate queste teorie sono quelli elaborati da Guid e Bratko: 

  1. M.Guid, I.Bratko “Using Heuristic-Search Based Engines for Estimating Human Skill at Chess.” ICGA Journal, Vol. 34, No. 2, pp. 71-81, 2011  [download articolo in PDF]. 
  2. Un articolo precedente (giugno 2006) degli stessi autori riporta un’analisi dei campioni del mondo di scacchi [download articolo in pdf]. 

Gli autori hanno documentato un metodo per calcolare la qualità di gioco dei diversi campioni del mondo che in epoche diverse si sono susseguiti sul trono del massimo titolo internazionale.


A numero più basso, corrisponde una qualità di gioco più alta.
Le statistiche non si fermano qui e chi vuole leggersi in dettaglio gli articoli troverà considerazioni molto interessanti. Ad esempio, Capablanca ha mostrato una fra le più alte qualità di gioco di tutti i tempi, giocando tipicamente posizioni meno complesse di quelle giocate da altri campioni del mondo. Oppure, i giocatori dell’ultima generazione come Carlsen raggiungono precisioni e qualità di gioco mai raggiunte prima.

Recentemente alcuni software e piattaforme online hanno implementato il calcolo automatico di questo indice, aprendo una nuova serie di possibilità per l’allenamento personale.

Su chess.com è possibile accedere a questa funzione dall’editor di analisi [accessibile a questo link].
Si può caricare, anche con un copia\incolla, il testo PGN della partita da analizzare e richiedere dal menu in alto a destra l’analisi computerizzata (icona con computer e lente di ingrandimento).


L’analisi al computer può essere veloce, profonda o massima con diversi tempi di calcolo (solitamente tra i 2 e i 10 minuti). Ad oggi, la modalità profonda, consigliata, richiede almeno un abbonamento Gold (28€\anno).

L’analisi computerizzata riporta una serie di statistiche:

  • Excellent Moves (Ottime mosse) 
  • Good Moves (Buone mosse: inferiori alle best moves, ma che non comportano grandi perdite di punteggio) 
  • Inaccuracy (Imprecisione !?: a confronto con la mossa migliore perde da .50 a .99 centesimi di pedone) 
  • Mistake (Errore ?: a confronto con la mossa migliore perde da 1.00 a 1.99 centesimi di pedone) 
  • Blunder (Grave errore ??: a confronto con la mossa migliore perde da 1.99 o più centesimi di pedone)  
  • Best Moves (Migliore mossa scelta dal motore) 
  • Avg. Diff (Differenza media in centesimi di pedone tra la migliore scelta del motore e la mossa giocata) 


La qualità di gioco è espressa principalmente dalla statistica Avg.Diff. che mostra la differenza media (espressa in centesimi di pedone) delle mosse giocate rispetto alle migliori mosse calcolate dal motore di analisi.
A partire dalla differenza media, Chess.com calcola un’altra statistica, disponibile però solo per gli abbonamenti platinum: il CAPS (computer aggregated position score - a rating from 0-100% which reflects strength of play). L’interpretazione è molto simile alla differenza media, è espressa in percentuale invece che in centesimi di pedone e Chess.com fornisce una comparazione\correlazione tra CAPS e punteggio ELO. Comodo ma non indispensabile.

CAPS | ELO (approximation) 
99%+ | 2750+ 
98%   | 2650 
97%   | 2500 
96.2%| 2400 
94.5%| 2300 
92.7%| 2200 
91.2%| 2100 
88.7%| 2000 
87.3%| 1900 
86.2%| 1800 
84%   | 1700 
81.8%| 1600 
80.7%| 1500 

Anche la piattaforma Lichess, completamente gratuita, offre un motore di analisi online nel menu strumenti\analisi [accessibile a questo link]. Per il calcolo della qualità di gioco, bisogna prima importare una partita in PGN [a questo link] e richiedere un’analisi al computer.
Terminata l’analisi, Lichess mostra l’andamento del punteggio durante la partita, le consuete statistiche su imprecisioni\sbagli\strafalcioni e il numero “centesimi di pedone persi in media”.

Come esempio, consideriamo questa mia partita giocata su chess.com a cadenza lampo 3’+2’’.

[Event "Live Chess"]
[Site "Chess.com"]
[Date "2017.01.02"]
[White "scaccodoppio"]
[Black "bogdanz"]
[Result "1-0"]
[ECO "A07"]
[WhiteElo "1786"]
[BlackElo "1724"]
[TimeControl "180+2"]
[Termination "scaccodoppio won by resignation"]

1.Nf3 d5 2.g3 c6 3.Bg2 Bg4 4.O-O Nf6 5.h3 Bh5 6.d3 Bg6 7.Nbd2 h6 8.c4 Nbd7 9.b4 e6 10.Rb1 b5 11.cxb5 cxb5 12.Nd4 Qb6 13.N2f3 Be7 14.Be3 Qb7 15.Nh4 Bh7 16.Qd2 O-O 17.Rfc1 Rac8 18.a3 Ne5 19.Nb3 Nfd7 20.Nf3 Nxf3+ 21.Bxf3 e5 22.Bc5 Nxc5 23.Nxc5 Bxc5 24.Rxc5 Rxc5 25.bxc5 e4 26.Bg2 exd3 27.exd3 Qc6 28.Rc1 a6 29.d4 Re8 30.Re1 Kf8 31.Rxe8+ Kxe8 32.Qe3+ Kf8 33.Qe5 g5 34.Bxd5 Qd7 35.c6 Qe7 36.c7 Qxe5 37.dxe5 Bf5 38.e6 Bxe6 39.Bxe6 fxe6 1-0 

Analisi Chess.com

Ottimo: bianco 29 nero 28
Buono: bianco 8 nero 7
Imprecisione (?!): bianco 0 nero 2
Errori (?): bianco 0 nero 1
Errori gravi (??): bianco 0 nero 0
Best move (%): bianco 60,0% nero 51,4%
Diff.Media (QoP) : bianco 0,08 nero 0,34

Analisi Lichess

Imprecisioni: bianco 0 nero 3
Sbagli: bianco 0 nero 3
Strafalcioni: bianco 0 nero 3
Centesimi di pedone persi in media: bianco 9 nero 36

Personalmente trovo l’analisi di Chess.com più approfondita, ma il calcolo dell’indice di qualità di gioco è molto simile per entrambe le piattaforme (rispetto a Lichess, l’indice di Chess.com è diviso per 100).

Perché il calcolo della qualità di gioco può essere utile nell’allenamento scacchistico. 

A prescindere dalle modalità di calcolo (calcolato dalla 12° mossa in poi, come suggeriscono gli autori originali, oppure calcolato dalla prima mossa), l’indice della qualità di gioco (differenza media rispetto alle migliori mosse dei motori scacchistici) può tornarci molto utile per tenere traccia dei nostri progressi.
Più che il valore assoluto di una singola partita, il valore risiede nello storico delle nostre performance.
Possiamo calcolare un valore medio per un intero torneo, oppure confrontare le nostre prestazioni da un mese all’altro. Questo indice rappresenta un feedback quantificabile e oggettivo di come giochiamo e ci consente di valutare in modo obiettivo le nostre performance.

Il nostro prossimo obiettivo scacchistico di guadagnare 50 o 100 punti ELO potrebbe essere sostituito dal migliorare la nostra qualità di gioco del 10% o 20%.
I punti ELO arriveranno di conseguenza.

Nessun commento:

Posta un commento